Azzedine Alaïa | Couture / Sculpture at Galleria Borghese

In estate, durante uno di quei week-end trascorsi sulla spiaggia a leggere libri e sfogliare giornali, mi ero imbattuto in un articolo che annunciava una mostra dedicata al grande couturier Azzedine Alaïa e così mi ero ripromesso che sarei riuscito a tornare a Roma per vederla. Ammetto che il nome di Alaïa lo avevo sentito per la prima volta guardando Clueless – da bambino – ma non sapevo molto su di lui, proprio per questo valeva la pena di scoprirlo…

Partiamo su Italo diretto a Roma per una giornata di relax nella città eterna, dove il sole batte come in estate ma in pieno ottobre. Girelliamo in città, un salto al Colosseo, uno in Piazza di Spagna e due passi tra le vetrine di via del Babuino. Per pranzo siamo indecisi tra le opzioni consigliate da amici e Romani doc: le incursioni salutiste da Ginger e il brunch di Coromandel, nel secondo non c’è posto e così ripieghiamo sul primo.

Azzedine-Alaïa-Roma-Michele-Moricci-#2

Nel pomeriggio passeggiamo in direzione del parco di Villa Borghese per approdare alla Galleria omonima dove è ospitata la mostra Couture/Sculpture di Azzedine Alaïa.

In una cornice di estrema eleganza tra affreschi, dipinti e statue in marmo, la galleria raccoglie ed espone opere d’arte di Bernini, Bronzino, Caravaggio, Tiziano, Canova e molti altri. Così tra la marmorea perfezione di “Apollo e Dafne” e i vividi colori del “Fanciullo con Canestro di Frutta” si affacciano irradiati di estrema bellezza i capolavori stilistici di Alaïa.

Lo stilista, tunisino di origine ma francese di adozione, impara i trucchi del mestiere con Dior e GuyLaRoche fino a quando pronto per intraprendere una strada individuale apre il suo atelier sulla Rive Gauche. Sono gli anni 70/80 a consacrare il suo estro creativo ed è la sua estrema manualità visionaria, trasgressiva e sensuale a conquistare artisti e socialité. Con Grace Jones avvolta in questi abiti da sogno, il successo sbarca nell’America degli anni ’90.

Azzedine-Alaïa-Roma-Michele-Moricci-#4

Azzedine-Alaïa-Roma-Michele-Moricci-#27

Se pur non si possano leggere didascalie né tantomeno una piccola introduzione alla vita e le opere dello Stilista, la mostra è splendida. Si ripercorrono le decadi passando da un abito all’altro. La sontuosa eleganza e la peculiare ricerca di soluzioni stilistiche sempre più audaci permettono agli abiti di spiccare in mezzo a tanta bellezza. La pelle di coccodrillo avvolge il corpo come seta, la misteriosa eleganza del macramè si alterna alla primitiva bellezza del pitone e così si avvicendano bianco e nero, fucsia e rosso, in un gioco di luce e ombra che abbaglia gli occhi.

In un tempo in cui sono i fatturati milionari delle case di moda a decretare il successo piuttosto che la creatività, ormai spesso dimenticata in favore di numeri, questi abiti sono cibo per l’anima. Vera creatività, quella intensa, brillante e coinvolgente di una volta. 

Azzedine-Alaïa-Roma-Michele-Moricci-#17

Azzedine-Alaïa-Roma-Michele-Moricci-#21

Prorogata fino al 22/11 dato il successo ottenuto, consiglio a chi legge e a chi ne avrà voglia, di cogliere l’occasione per godere della bellezza di Galleria Borghese assieme alla straordinaria bellezza di questa incursione di moda con Couture/Sculpture.

ENGLISH 

In summer, during one of those weekends spent on the beach reading books and browse the newspapers, I had come across an article that announced an exhibition dedicated to the great couturier Azzedine Alaïa, and so I had promised myself that I would be able to return to Rome to see it. I admit that I first heard of Alaïa watching Clueless – as a child – but I did not know much about him, for this was worth it to find out …

We travel with Italo to Rome for a relaxing day in the Eternal City, where the sun beats like in the summer but in the middle of October. We walked around downtown, head to the Colosseum, Piazza di Spagna and through the windows of Via del Babuino. For lunch we are trying to decide between the options recommended by friends and truly Romans: the healthy food of Ginger or a brunch at Coromandel, there’s not room left from bruch so we fall back on at Ginger’s.

Azzedine-Alaïa-Roma-Michele-Moricci-#13

In the afternoon we walk towards the park of Villa Borghese to arrive at the gallery of the same name where the exhibition  Couture / Sculpture of Azzedine Alaïa is held.

In a position of extreme elegance of frescoes, paintings and marble statues, the gallery collects and exhibits works of art by Bernini, Bronzino, Caravaggio, Tiziano, Canova and many others. So between the marble perfection of “Apollo and Daphne” and the vivid colors of the “Boy with a Basket of Fruit” overlook irradiated extremely beautiful style masterpieces by Alaïa.

The designer, of Tunisian origin, but French by adoption, learn the tricks of the trade with Dior and Guy LaRoche until ready to take an individual road and opens his studio on the Rive Gauche. 70’s and 80’s are devoted to his creativity and his extreme dexterity, unconventional and sensual visionary to conquer artists and socialites. Grace Jones wrapped up in these dreamy clothes, launches Alaïa’s in the 90’s America.

Azzedine-Alaïa-Roma-Michele-Moricci-#11

Azzedine-Alaïa-Roma-Michele-Moricci-#25

Although you can not read captions nor a small introduction to the life and works of the Stylist, the show is wonderful. It traces the decades going from a dress to another. The sumptuous elegance and distinctive research of stylistic solutions increasingly bold allow clothes to stand out in the midst of so much beauty. The crocodile leather envelops the body like silk, the mysterious elegance of macrame alternates with the primitive beauty of the python and so alternate black and white, pink and red, in a play of light and shadow that dazzles the eyes.
In a time when fashion houses looks just to revenues to the success rather than creativity, now often forgotten in favor of numbers, these clothes are food for the soul. True creativity. That intense, brilliant and engaging old fashioned one.

Azzedine-Alaïa-Roma-Michele-Moricci-#16

Azzedine-Alaïa-Roma-Michele-Moricci-#22

Extended until 22/11 due to the success, I advice to the reader and those who will want, to take the opportunity to enjoy the beauty of the Galleria Borghese with the extraordinary beauty of this incursion into fashion with Couture / Sculpture.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...