ON THE SHELF | Diane Keaton

Diane Hall primogenita sgangherata, nasce nel 1946 nell’assolata California, attraverserà l’America in lungo e in largo arrivando oltre i sessanta prima di riscoprire i vecchi diari della madre e trarne ispirazione per raccontare una storia a due voci, la sua e quella di Dorothy.

Ho sempre amato il cinema, non quello convenzionale. Ho sempre fatto incetta di filmetti di serie-b dove accadeva poco o nulla, ma che io trovavo sufficientemente rigeneranti.  Uno fra tutti è “Perché te lo dice mamma“, l’ennesimo film che han come protagonista Diane Keaton. Per questo scovando la sua biografia in libreria, ho deciso che l’avrei voluta come regalo di natale.

Pensa” è la parole che con maggior frequenza Diane ricorda di aver letto introno a se nella sua vita. I diari della madre per anni rimasti segreti vengono a galla portando con se i numerosi ricordi di una famiglia numerosa e complicata nel dopoguerra Americano. Diane Keaton, prende spunto dai ricordi della madre per tracciare insieme ad essi le proprie disavventure, quelle di un’attrice affermata che prima de “Il Padrino“, di Al Pacino e dell’iconografica “Annie Hall” di Woody Allen era una ragazza come tante con un mucchio di sogni nel cassetto. Ci sono le vittorie ma anche le sconfitte, i limiti imposti dalla natura delle cose e gli inaspettati successi ottenuti durante numerosi anni di carriera.  Divisa tra East e West Coast, Diane, spiega il modo in cui ha spesso dedicato tempo a progetti fini a stessi bocciati dalla critica e successivamente anche da lei stessa, racconta di come abbia visto sfiorire l’intelligenza intraprendente della madre malata di Alzhaimer e di come ormai single sconsolata abbia intrapreso l’attività di madre a tempo pieno di due figli.

Un memoriale ironico e realistico – a tratti triste –  di una comune donna che aveva speso tutta la sua vita dedicandosi ai figli, trascurando i propri bisogno e di una figlia che diventa madre e raggiunge la notorietà desiderata.

English version below….

DianeKeatonThenAgain#1

DianeKeatonThenAgain#2

DianeKeatonThenAgain#3

Diane Hall ramshackle eldest daughter, was born in 1946 in sunny California, cross the length and breadth of America before becoming over 60 yo to rediscover the old diaries of his mother and be inspired to tell a story with two voices, her own and Dorothy’s one.

I’ve always loved the cinema, not the conventional one. I have always been buying up b-list movie where nothing was happening, but I was getting enough regenerating from. One of these is “Because I Said So“, another film that have starring Diane Keaton. That’s why, rousing her biography in the library, i decided that I would have wanted it as a Christmas present.

Think” is the word that most frequently Diane remembers reading around for whole life. The diaries of the mother remained secret for years and came to the surface, bringing with them the many memories of a large and complicated family in the American post-war . Diane Keaton inspired by memories of his mother track them along with her own misadventures, those of an accomplished actress before “The Godfather“, Al Pacino and iconic “Annie Hall” by Woody Allen, with a lot of dreams. There are victories but also defeats, the limits imposed by the nature of things and the unexpected success during many years of her career.

Divided between East and West Coast, Diane explains the way in which she devoted time to projects often rejected by critics and later by herself, tells how she saw her intelligent mother fades suffering from Alzheimer and how as blue single has then started working as full-time mother of two children. An ironic and realistic – at times sad – memorial of a common woman who had spent her entire life devoted to her children, neglecting her own needs and memories of a common celebrities becoming a mother and a daughter who came to longlife dreamed fame.

DianeKeatonThenAgain#4

DianeKeatonThenAgain#5

DianeKeatonThenAgain#6

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...