The Weakness in Me & The ShopAholic Confessions


A differenza di prima e con l’avvento di Facebook trovo sempre meno tempo per updatere le mie cronache di vita; così se non spendo il tempo lavorando, scambiando messaggi su FB o uscendo con gli amici, spendo i miei soldi facendo shopping.
 
Attanagliato da un perenne senso di insoddisfazione che mi fa oscillare sulle mie due "D" preferite, ovvero: Doveri & Desideri, cerco di appagare i desideri e non sopperire ai doveri che mi vedono schiavo del lavoro, del denaro e di un sacco di altre cose che non so se voglio o ho mai voluto.
Aggiungo una "D" alle mie due preferite ed ottengo la Trinità: Doveri,Desideri & Distrazioni.
 
Dopo il compleanno di Daria passato a tavola in compagnia di almeno quaranta pseudo-sconosciuti a bere vino, facciamo una bevuta analcolica ad Empoli alla fine della quale torno a casa su una Porches guidata da un brutto ma gentile cavaliere etero. Mercoledì è la volta del compleanno del Cippi. Io,Virgy, Daria e Leo ci presentiamo in anticipo ed entriamo alla serata Universitaria dell YAB come le star. Una distesa di camicie bianche impomatate e pullover da figlio di Papà fanno da sfondo alla musica oltraggio-trash mentre le chicas col giropassera in vita ballano sui cubi. Alle 3 abbandoniamo per noia e alle 3.30 sono sotto le coperte.
LET’S COMME DES GARCONS
Il giorno seguente la sveglia suona prestissimo. Sono giorni che mi organizzo per presenziare alla presentazione della collezione H&M by COMME DES GARCONS. Non posso permettermi affatto di perdere un connubio di moda e stile a basso prezzo e quindi, invece di fare Colazione da Tiffany la faccio su un treno in corsa verso Bologna.
 
Gio viene con me e decidiamo di passare l’intera giornata insieme come una vera Happy Couple.
Arrivati in Città, avvisto le prime buste firmate e costringo Giovanni ad una corsa contro il tempo.
Un treno, un’ora e mezzo e qualche passo di fretta più tardi entro senza fiato ad H&M per scoprire che l’intera collezione è finita. Vengo colto da un improvviso senso di devastante infelicità e Gio ammette di esser già spaventato all’idea di un mio rempentino cambio di umore che trasformerà l’intera giornata in una splendido pomeriggio di merda.
Per fortuna riesco a provare un pò di cose ed esco dal negozio con un cappotto elegante di lana che sembra feltro e un paio di simil-converse con un taglio dandy-punk elegante.
 
La pioggia continua a cadere ma non basta a fermarci dal giro dei negozi mentre passeggiamo in città col mio bustone esclusivo. Compriamo una t-shirt uguale ed io prendo un nuovo cardigan grigio da Pull&Bear. Poi la fame inzia a farsi sentire e scegliamo un posto rustico per mangiare tortellini tipici e ripararci dal freddo. Tutto sembra perfetto. Troppo perfetto. Infatti a tarda sera scoppia la bomba.
 
SHOPAHOLIC
Venerdì mattina accompagno Eleonora e Melania a cercare l’abito da sposa. Giriamo per gli atelier di Firenze senza trovare quello giusto, solo sul far della sera Eleonora trova quello giusto e da sogno in un negozzietto di Campi Bisenzio.

Qualche giorno più tardi non ho ancora finito di fare shopping. E’ sabato pomeriggio e tutti insieme andiamo a trovare Leo a lavoro a Bologna.Girelliamo per i negozi senza trovare niente di entusiasmante e ceniamo in economica insieme a Davide e al suo neo-boy. Mangiamo pizza e ci narriamo degli ultimi rispettivi accadimenti. Alle 10.30 il sonno ha già in-flemmato metà di noi, però non rinunciamo ad una easy-bevuta fashionista nel sabato notte emiliano.
 
Dopo la tempesta, passo la domenica in compagnia di Giovanni per spiegargli ancora una volta le incertezze che mi rendono invivibile il nostro rapporto, ammetto anche di esser incuriosito da un tipo, che scompare qualche giorno più tardi, ma questo non basta a frenarci. Un bacio tira l’altro e dopo una chiaccherata al parco, un sexy pit-stop nel parcheggio e cena a sacco, andiamo al cinema per un bel horror "The Orphanage".
 
Lunedì Virgy passa a prendermi e andiamo al SOTTOSOTTO, mi limito a comprare un cardigan-pigiamoso di LIU-JO uomo e lei una semplice borsetta perchè non trova un paio di scarpe che le vadano a genio o le stiano di size. Il giro continua e mentre lei prova un paio di stivali di pelli io mi innamoro ancora una volta degli UGG, che per speciale concessione divina costano solo 120 euri. Li vorrei ma devo contenere le spese. Tutti sconsigliano, ma continuo a desiderarli.
 
Saluto Vi e ci abbandoniamo fino al The-serale del giorno dopo.
 
THE WEAKNESS IN ME
"I’m not the sort of person
Who falls in and quickly out of love
But to you i gave my affection
Right from the start
I have a lover who loves me
How could i break such a heart
Yet still you get my attention

Why do you come here
When you know i’ve got troubles enough
Why do you call me
When you know i can’t answer the phone
And make me lie when i don’t want to
And make someone else
Some kind of an unknowing fool
Make me stay when i should not
Are you so strong
Or is all the weakness in me…"

Da giorni continuo ad ascoltare ad oltranza una vecchia canzone che mi ricorda l’adolescenza. Faceva parte della tracklist del film "10 Cose Che Odio di Te" ed io che l’ho riscoperta in versione black, non posso fare a meno di trovare in quelle parole mai scoperte un chiave di lettura attuale ed estremamente mia.
Cosa mi trattiene? Perchè non riesco a capire cosa voglio davvero? e sopratutto, si può davvero aver paura di Amare?
 
 
VIDEO ON AIR: "The Weakness in Me" Covered By Keisha White (Original By The Indigo Girls)
 

 

3 pensieri su “The Weakness in Me & The ShopAholic Confessions

  1. Si può avere paura di tutto, quindi perchè no, anche di amare!
    Soprattutto perchè amare significa mettere in gioco tutti se stessi…non è facile.
     
    DOMANDONA n.1: com\’è The Orphanage? Consigli di guardarlo o no? …sono indecisa…
    DOMANDONA n.2: ma H&M a Firenze???? Si farà? Nons i farà? Dove si farà?? LO VOGLIO!
     
    BACI BACI BACI!
    (maledetti Doveri)

  2. Certo che si. Certo che si può avere paura di amare.
    Ma a volte la vita non è complessa cosi come noi vogliamo dipingerla.
    A volte.. si può avere paura dell\’ovvietà delle cose. Forse..
     
    Un bacio..

  3. Ahi ahi ahi! Mike! Tra il fatto che sei sempre a lavoro e io sempre a Milano non parliamo da tempo! Uff…Ho letto delle cose interessanti,ma non mi sembra il luogo adatto per chiedere!
    Alcuni passaggi mi hanno fatto sbellicare eheh! E ripeto che ti voglio come personal shopper! Paga ridotta ovvio eheh
    Ah,aggiungo una nuova D: Demenza. ehehe…penso non servano spiegazioni!
    Un kiss baby toscanaccio!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...