Labels Or Love?


LABELS OR LOVE?
Martedì ore 19.00 – L’estate è finalmente arrivata e comodo su una sdraio mi godo gli ultimi raggi di sole e un succo d’ananas con ghiaccio e fragole, intanto il tramonto colora il cielo di tinte pastello.
 
Uso et abuso del mio momento di relax da lavoro; ascolto il soundtrack di Sex&TheCity per l’ennesima volta e posticipo il re-styling per "Cabaret", lo spettacolo nel quale Leo&Co. balleranno un nuovo pezzo HIP-HOP. Io e gli altri andremo a curiosare e saremo delle perfette Cheerleaders.
Mentre attendo la cena e sorseggio ancora un pò del mio succo, ripenso agli scorsi giorni e a quanto sia stato difficile abbandonare l’alter-vita, Andre e Barcellona per tornare a rincorrere nuove idee creative per lavoro, dimenticando lo shock post-movie e ritrovare una dimensione abbastanza confortevole dove rimanere fino alla prossima fuga dal mio mondo.
 
Lunedì mattina è il telefono a svegliarmi, il capo chiamava per dirmi che l’indomani avrebbe stampato il "mio" sudatissimo Gothic Pop Graphics vol.1, che avrà il mio nome in copertina, la mia foto e dei ringraziamenti dedicati a me a pagina numero due ed infine aggiunge che lo consegneremo insieme ai distributori durante PITTI IMMAGINE UOMO. Sono entusiasta e mi dico che è un buon modo per ricominciare da capo.
 
Il tempo trascorre in fretta e prima che possa accorgermene, un’altra settimana vola via frettolosa, senza che i giorni abbiano un motivo per essere ricordati. Intanto l’Happy couple prenota un volo diretto a Lisbona per la vacanza estiva in solitaria, Marty organizza il suo ritorno imminente in Spagna, Leo si divide tra il lavoro, le aspirazione ed interminabili ore di ballo, Gio partirà tra poco, qualcuno si sposa ed io, attendo…
 
DATE A QUEER-TER PAN
Giovedì ore 17.50 – Guardo nella casella postale e trovo un nuovo messaggio.
Proprio mentre mi domandavo che fine avessero fatto la gran parte dei gays che come al solito blaterano promesse, "Woulda,Shoulda,Coulda" e troppo fumo per essere vero, un nuovo misterioso ragazzo mi scrive incuriosito. Lo trovo online solo qualche giorno più tardi e prima di quanto mi aspettassi fissiamo per uscire.
Lunedì ore 20.00 – Fuori la pioggia cade fitta, ricevo un sms in cui mi avverte che passerà a prendermi ma io gli vado incontro e mi dirigo verso IKEA. Eccoci qui, l’uno davanti all’altro ed io ho paura. La stessa di sempre. Facciamo un giro per ripararci dall’acqua e mangiamo un hot-dog mentre parliamo di storie, ferite e situazioni.
Ci rimettiamo in viaggio e cerchiamo il posto giusto per fare l’aperitivo in zona. Lui è gentile e molto carino. Prepara dei piattini con il cibo e beviamo prosecco ma il locale sta per chiudere e quindi finiamo per strada prima del previsto. Intanto il tempo si è ristabilito, così ci fermiamo al parco giochi.
Si rivela un cinefilo adoratore di Hitchcock, appassionato del mondo Arabo, laureando in architettura con un piacevole umorismo e l’aria di un eterno Peter Pan. Tanto da arrampicarsi sulla piramide di corda, mentre pensavo "non lo sta facendo davvero" e tanto da convincere pure me a salirci. Continuiamo le chiacchere con qualche battuta d’arresto e alle 22.00 scocca l’orologio e mi riporta a casa. Ho passato un paio di ore piacevoli, sono curioso…
 
 
THE TRUTH ABOUT GAYS
In una comunità come quella homo si direbbe che fashionismi griffati e del buon vecchio sesso possano bastare per sbacare il lunario sentimentale. Tutti sognano una "Gay Side Story" da raccontare ai figli che non avranno, vorrebbero il grande amore alla "Gay With The Wind" ma si lasciano guidare solo dal gay-dar che fiuta il "galore" e finisco per andare "A Letto Con L’Amico", sotto coperte slavate e con ai piedi del letto un mucchio di indumenti inguardabili.
E quindi come canta Fergie "Looking for Labels or Love?"
L’etichette servono. Sono un buon biglietto da visita perkè c’è sempre differenza tra Esserre e Apparire ma in tutto questo l’amore dov’è? Quello che molti di voi ignorano è che in media i Gay si vestono molto male e che ci sono innumerevoli e varigate tipolegie di Gay, così indicandone sommariamente alcune ottieniamo un raccapricciante e veritiero profilo dell’omosessuale medio e uno dei possibili motivi per cui le storie non nascono, non durano o non decollano.
 
I GAYNTUSIASTIC – spesso troppo carini o bonazzi, gentili e disattenti. Quelli "parole parole parole" che concludono l’appuntamento con un sorriso a 32 denti, promettono un secondo DATE, ti mandano un sms sdolcinatosubito dopo e sarebbero pronti a farsi tatuare il vostro nome sul pene, ma appena finito con te escono con qualcun’altro. Sono talmente entusiasti che tra il dire e il fare per loro c’è davvero di mezzo il mare.
 
I GAYMANTIC – Sognatori belli e brutti. Si presentano cordialmente, fanno i galanti e ti raccontano di quanto abbiano sofferto per amore, ma la loro storia più lunga è durata 1 mese. A fine serata scatta in loro qualcosa di così selvaggio che concludono l’appuntamento deglutendo e passando la mano sulle labbra. Però sognano così tanto che, mentre ti stanno ancora "servendo" già immaginano il nuovo "membro" della loro Confraternita di Romanticoni.
 
I GAYBERNETICTutti i gay attingono dal web per fare nuove conoscenze, in pochi lo ammettono ma tutti lo fanno. Sono divisi in Carini, Boni e Scherzi della Natura. I primi sono troppo timidi ed insicuri per buttarsi nella mischia di una discoteca, i secondi sono troppo boni per accontartarsi solo di quelli e gli scherzi della natura sanno già di non potercela fare quindi si mastrubano in chat. Fate voi le somme.
 
Infine gli INCLASSIFIGAYBILI che includono i bastardi, i belli e dannati, i Troielli, i portatori sani di incapacità relazionabile, i fuggiaschi, gli illusionisti e i "Cuor di Coglione". Potrei rientrare tra questi?
Quindi forse riuscirò a mettere la firma su l’etichetta di un bel vestito ma non riuscirò a trovare l’amore?
Tutti dicono che arriva quando meno te lo aspetti, io non me lo aspetto più! Perchè non è ancora arrivato???!
 
XOXO GOSSIP FAG
 
Dopo l’header machista del nuovo post beccatevi la selezione trash-musicale di questo update, un binomio perfetto per GAII e GAYE il volto dell’inimitabile britney e l’insopportabile voce della botoxlicious Fergie, per l’adorabile theme song dal film Sex&TheCity! (tanto per cambiare…).
 
ON AIR: "Labels & Love" By Fergie (clip from Britney Spears’ video)

  

14 pensieri su “Labels Or Love?

  1. ahahahhaa oddio mik sei troppo il meglio i tuoi post sono quelli che + mi mettono di buon uomore ahah non vedo l\’ora che tu faccia uscire il seguito delle tue storie..cara la mia gay brtget,mi piace parecchio la lista che hai proposto ahah e ho dei dubbi atroci..possibile io li abbia conosciuti tutti??non saprei dove mettermi nemmeno io probabilmente tra i carini schizzinosi ahah ahahaha ad ogni modo un giorno di questi ci facciamo una bella chiacchierata che si parla come una volta..ah complimentoni per i llavoro,come dici sempre i sforzi pagano e tutto torna sotto il pettine..ehm ops ^_^ vabbe dai non l\’ho detto apposta please don\’t stop the music ahaha….sto sistemando il mio radar ma credo sia solo uno strumento di rivelazione merde nei parchi..dovrò incolpare qualche azienda produttrice,,se mi vedi a forum sarà per questo ahah un bacione mik

  2. le tue parole sono quelle ke sento dai miei amichetti…..e\’ vero,il mondo dei \’\’gay\’\’ e\’ davvero strano…certe volte addirittura incomprensibile…pue essendo circondata ancora nn riesco a capirlo…pero\’ penso ke sia giusto aspettare…un motivo ci sara\’ se ancora l\’uomo della nostra vita nn sia arrivato…e se realmente esiste(anche se ormai quasi quasi ne abbiamo perso le speranze) forse ne e\’ valsa la pena…l\’attesa e\’ qualcosa di tremendamente fastidioso…ma forse il fastidio un giorno diventera\’ appagamento in tutti i sensi….ahahahah….allora meglio nn avevre fretta…siamo fiduciosi!!!!
    un bacio grande grande….

  3.  
     
    … 
     
    Miky sei in crisi come Posh-spice nello scegliere
    il vestito nero di Gucci o il vestito nero di Gucci… 

    Ma sono l\’unico che strappa le etichette dai vestiti ?
    S.A.D.
     
     
     

  4. Caro Miky categorizzare non serve a molto meglio giocare a mischiare gli stili, fantasie e colori ( e soprattutto osare!). Come la nostra Carrie insegna, un paio di sandali Manolo, un cargo pats di Zara e un giacchino De La Renta possono stare benissimo insieme… se non osi rischi di beccarti un total look CK!

  5. Miky … chiedo nuovamente perdono x la mia assenza dalla seratina … SCUSATEEEE!!!!!
    Spero potremo ripetere al + presto così vedrete dal vivo le trecce (mi sento un po\’ pazza con questo capo).
    Un bacio grande e complimenti x i lavori che danno tanti frutti!!!
     
    SMACK!

  6. Ma io il tatuaggio lo volevo sulla schiena e non sopra il pene!!!!Sarebbe proprio bello che esistessero così poche classificazioni per i ragazzi gay, ma come insegna la realtà, è praticamente impossibile riuscire a creare sottocategorie della popolazione e poi pensare di poter mettere quel ragazzo solo in una o nell\’altra.E adesso qui scatta una proposta che tutti leggono..che ne dici di vederci sabato? Ti ospito nella mia modesta dimora. Sabato in giro per shopping, serata dance al mamamia con foto pubblicate sul io sito per tutti i nostri net amici e conoscenti, notte da me e domenica prima ikea e poi ti riporto a casa. Davanti al tuo portone.

  7. allora 1) LABELS OR LOVE…la ascolto almeno 10 volte al giorno quindi 10 e lode per la scelta e 2) fammi sapere se poi il libro ti piace….ci conto🙂
     
    CARLOS

  8. Grazie A.Pisa/Lupin a.k.a Alessio per lo sfavillante invito.Il post era generico ed esasperato per offrire ai lettori (gay e non) uno spunto riflessivo e divertente sull\’homo-community. Senza dubbio qualche riferimento casuale c\’era ma nessuno sapeva che volevi che ti disegnassi il tatuaggio, quindi dont worry, prima che tu scrivessi che eri tu quel GAYTUSIASTIC, nessuno aveva pensato a te leggendolo. ^_^Qui scatta il "NO" (che tutti leggono) perchè apprezzo che tu abbia pubblicamente accentrato l\’attenzione su di te come se il post-parlasse unicamente del nostro appuntamento chiedendomi di uscire come in una puntata de "LA TATA", ma sarò impegnato nel week-end quindi ancora Grazie, ma NO alla notte nella tua dimora, NO allo shopping in 2, NO al MAMAMIA insieme e NO alle foto per i nostri net-friends.Magari, un\’altra volta….o quando avrò finito le lettere dell\’alfabeto in appuntamenti fallimentari e ricomincerò dalla tua, sperando che in quel caso il ragazzo si chiami ADELMO! ^_*LUV U. MIK

  9. Sono stato bastonato pubblicamente e riconosco la mia colpa. Adelmo non mi piace e spero che il nome Alessio possa, prima o poi, cambiare "situazione" e perchè no…magari essere felicità.Mi dispiace. So che non mi capisci.Per la cronaca non ho mai considerato niente di fallimentare quel pochissimo che è stato. Se mi ricordo bene ti ho chiamato, mi sono fatto sentire, invitato anche per Sex and the city…so che stai pensando, ma non è una scusa. La notte in 2 a casa mia, lo shopping in 2, la dance night a torre in 2 era solo l\’invito che ti ho sempre promesso. Non c\’era proprio niente di malizioso o cattivo sotto.

  10. Nella vita ci vogliono i fatti non le promesse (benchè meno quelle non mantenute).Ciao MikP.S= Ho esitato a rispondere perchè ha poco senso…Cmq, non dubitavo della natura del tuo invito. Ho apprezzato le chiamate e l\’invito a Sex&TheCity motivo per cui ti sei aggiudicato una cartolina.A mio avviso la curiosità è nella maggior parte dei casi il motore di sviluppo di una amichevole conoscenza (che può o no, portare ad altro) qualora questa venga sorpassata o sostituita da chat, telefonate, promesse, posticipazioni & Co. automaticamente rimane molto poco su cui dibattere tanto meno se si fanno "sparate assurde" per poi "scomparire". L\’esperinza insegna.Se la tua partecipazione fosse stata continuativa e il tuo invito fosse arrivato in privato, avrebbe assunto un significato diverso.Forse volevi farlo alla Carrie&Big, assolutamente apprezzabile però quello è un vecchio sogno. Ora c\’è la vita vera. Ti avevo palesemente detto che non mi sembravi interessato, questo non rappresentava necessariamente un problema ma effettivamente scegliere di invitarmi fuori lasciando un messaggio sul Blog, non ha migliorato la situazione. Sono sempre stato molto accondiscendente con gli altri, questo non serve ed ora che l\’ho capito ed ho ritrovato il rispetto per me stesso non posso fingere che tra noi stia nascendo qualcosa o ci sia una forte amicizia accettando il tuo invito, per poter scrivere un bel Post la prossima settimana. Quindi non dire "Mi dispiace. So che non mi capisci." perchè c\’è ben poco altro da capire se non i fatti oggettivi.Con questo non nutro rancore verso di te (ovviamente). Gli appuntamenti servono a questo, no? Conoscere, capire e scoprire nuove persone con le quali condividere percorsi di svariato genere, mettiamola così il nostro è stato un Incrocio di un paio d\’ore sulle strade di Pisa. ^_*LUV U.P.P.S= Inoltre ci tengo a rettificare la tua frase "QUEL POCHISSIMO CHE E\’ STATO", siamo usciti insieme – stop. Vorrei evitare che i lettori fraintendessero.

  11. Arrivo in ritardo è trovo sto poco di diatriba, ovviamente non mi intrometto, perchè non sono affaracci miei!
    Quindi mio caro, la categorizzazione dei vari "modelli" di gay è davvero interessante, il punto è che, apportando le dovute e piccolissime modifiche, una categorizzazione simile è tranquillamente applicabile anche alla sponda etero, quindi…
    Concludendo, avrei voluto vederti mentre ti arrampicavi sulla piramide di corda…
    ma soprattutto, che cos\’è una piramide di corda?
    mah…
    Love u

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...