WAITING….On The World To Change

 

WAITING…ON THE WORLD TO CHANGE
 
"Me and all my friends
We’re all misunderstood
They say we stand for nothing and
So we keep waiting
Waiting on the world to change…"
 
Chiusa la porta, trascorro i giorni seguenti a fingere che niente di brutto stia accadendo. Sono preoccupato ma maschero la paura dietro ad un finto disinteresse e organizzo uscite, pianifico divertimenti e dimentico tutto il resto.
Domenica incontro Leo e Dany per un Branch-Mc al centro commerciale, ci raggiunge Ele e così facciamo un giro per i negozi, io trovo un paio di pantaloni carini e decido di acquistarli. Finito il giro andiamo al Parco per goderci il sole che appare e scomapre; poco più tardi raggiungiamo Firenze per incontrare Daria,Lorenzo e Virginia con i quali ceneremo al ristorante napolè-mood "Vico Del Carmine".
 
Lunedì mattina inizio a lavorare molto presto per distrarmi, ma non posso fare a meno di pensare al terribile pericolo di perdere il babbo che tanto amo odiare, con cui litigo e a cui ho nascosto molte cose degli ultimi anni della mia vita. L’amore, il cuore spezzato, i timori, il sesso e anche tutto il resto.
I pensieri vagano. Ad interropemperli è il provvideziale doppio sms di Lore, che da Parigi scrive a me e Dany: "amici miei sono a MontMatrè e vi penso. vi voglio bene." Mi meraviglio di come l’amicizia sappia ascoltare i silenzi e scoppio in un pianto convulso nella solitudine della mia camera mentre le note di John Mayer mi circondano.
 
WAITING ON THE BRAND NEW MIK
Da qualche tempo vivo le emozioni in modo diverso.
La vita è una stronza perchè corre in fretta, a volte è breve e altre volte si spezza.
Sono assetato di novità. Sono stanco di cercare, spiegare ed attendere e così mi lascio trasportare dagli eventi. Non ne conosco il reale motivo e non riesco a trovare spiegazioni plausibili ma in un momento transiotorio come questo, sento per la prima volta di essere me stesso. Adesso desidero smettere di posticipare i bei momenti da sogno per l’ipotetico Mr.Right e di godermeli ogni volta che ne avrò l’occasione.
 
Martedì sera vedo Gio e ci lasciamo col proposito di beccarci in settimana, ma nessuno dei due avrebbe immaginato che avremmo trascorso insieme la sera successiva. Si, perchè mercoledì pomeriggio Dany e Ele passano da me per un corso inutil-intensivo di Illustrator e mi propongono cena e cinema per la sera, quindi accetto.
 
WAITING TO INTRODUCE THE BABY BOY
Siamo diretti a Firenze per una cenetta al Cheap-Giapponese. Ele insiste per incontrare Giovanni e mi chiede di invitarlo alla serata orientale. Esito ma lo invito e lui accetta. Col cuore in gola e la paura da "per-la-prima-volta-presento-agli-amici-il boy-con-cui-esco" lo attendiamo alla stazione. Una ora più tardi, Daria e Lorenzo ci raggiungono e così la serata si trasforma involontariamente in un’uscita a coppie. Ridiamo e scherziamo, lui sembra a suo agio ed io mi sento piuttosto tranquillo.
Prima di tornare a casa, facciamo un giro per Firenze. Il giorno seguente non mancano le telefonate dove Ele si dichiara entusiasta, dice che è molto carino, simpatico e ben vestito. Daniele aggiunge che sembravamo due amici e gli spiego sommariamente che è ciò che siamo, per adesso. Daria mi chiama e mi chiede espressamente di invitarlo anche alla cena messicana indetta per la sera. Rifiuto la proposta e torno a lavoro.
 
WAITING TO HAVE THE MEXICAN FIGHT
Giovedì tutti dietro ai fornelli o meglio, tutti a scartare e scaldare il messicano già pronto. Leo non c’è perchè balla all’Officina Giovani. Ci ingozziamo come maiali e finiamo per rallentare i tempi, tanto da non riuscire a raggiungere Leo e portagli una parte della cena che avevamo sommariamente conservato per lui. Trascorro la notte in Chat a spiegargli il motivo; lui è molto dispiaciuto perchè non eravamo lì con lui e ci salutiamo. Infine lui mi spiega di aver bisogno di una pausa da tutti.
 
Sono arrabbiato, dispiaciuto e capisco solo parzialmente il suo disappunto. Ribadisco che se avrà bisogno ci sono (ci siamo) e che non "perderò tempo" a rincorrere qualcun’altro, anche se questo qualcun’altro è Lui. Farà il suo percorso, recupererà i suoi spazi ma io rimarrò qui, quando vorrà ci sarò.
 
Venerdì pomeriggio esco con Marty per un piccolo giro e poi mangiamo Pizza a casa mia.Parliamo un pò e ci godiamo qualche replica di Sex & The City. Cerchiamo sommariamente di pianificare il nostro viaggio Barcellonese. Lei mi da qualche news sulla pubblicazione del suo libro di poesie ed io entusiasta attendo l’uscita e il party-lancio. Ci salutiamo e io mi rimetto a lavoro per la consegna notturna.
 
WAITING ON TO BECOME THE RICHES
Sabato pomeriggio Lore, viene a trovarmi e mi porta il regalo Parigino. Uno splendido poster con su Charlie Chaplin. Si ferma da me e mi racconta del suo viaggio, delle avventure e delle disavventure. Gli dico del Babbo e del modo in cui lo avevo sentito vicino quando, una settimana fa, avevo ricevuto il suo sms. Mi chiede di A. e della nostra teorica chiaccherata, poi mi chiede di Gio e di come procede la mia vita. Faccio lo stesso con lui e il tempo vola come ai tempi in cui parlavamo ascoltando i soundtrack di Dawson’s Creek, Cruel Intentions e Scream spaparanzati sul letto.
 
Tra una chiecchera e l’altra, preparo i vestiti per le foto. Quando Dany e Ele arrivano, partiamo alla volta di Montemorello. Destinazione: casa di Virginia, dove scatteremo le nuove foto. Molti tentivi, qualche prova abito e una fase trucco più tardi siamo tutti davanti all’obiettivo della macchina fotografica. Facciamo meno scatti del previsto e alle 21.30 guardiamo i risultati delle nostre fatiche. Infine, scendiamo a valle e ceniamo in economica in un ristorantello dove lavora un amico di Dany.
 
Stanchi come in una comune giornata di lavoro, scegliamo di continuare la nottata con un film e un bel pò di ozio.
 
WAITING ON TO COMING OUT
Domenica il sole splende alto ed io e Gio, ci vediamo per la terza volta in una settimana. Nonostante questo "COUPLING" mi preoccupi moltissimo, non esito e andiamo a VIlla Montalvo per goderci la bella giornata. A pochi centimetri di distanza e contornati da un sacco di gente, non c’è niente che si possa fare.
 
In pieno sole, troviamo un parcheggio vicino al centro commerciale chiuso, dove senza troppa paura ci "lasciamo andare". Sono sereno e mi sento libero. La gente ci osserva, ma non ho più paura. Torno a casa e mia Mamma mi confessa di avermi visto in compagnia di uno "sconosciuto", per fortuna non ha visto tutto il resto….
 
Alle 18.30 arrivano la Marcy ed Enrico, andiamo a casa di Erika per una cenetta e film. Trascorriamo la serata in modo piacevole, parlando degli avvenimenti degli ultimi tempi.
Alla buon’ora ci salutiamo.
 
Lunedì mattina accompagno E. per cercare le scarpe e una sartoria disposta a confezionare l’abito da sposa. Alla fine della mattinata io e Daria, decidiamo di essere noi a confezionarlo per lei.
 
WAITING ON TO GET BACK TO THE FUTURE
Un anno fa ero seduto sulla poltrona del dentista con tante speranze, molti sogni, troppi FORSE e volevo una vita a la "Sex & The City", oggi seduto allo stesso posto con la bocca aperta, con meno illusioni e un futuro aperto davanti ho capito che non serve attendere che sia il mondo a cambiare perchè sono cambiato io…
 
GUARDA IL NUOVO DISEGNO "GAYLATIONSHIP" @ GOLD. clicca qui. (e votatelo.thanx!^_*)
 
VIDEO ON AIR: "WAITING ON THE WORLD TO CHANGE" by John Mayer
 
 

10 pensieri su “WAITING….On The World To Change

  1. Finalmente smetti di rincorrere un ideale di vita e cominci a vivere la tua vita secondo quello che è il TUO modo di vivere..
    Sono contento, veramente contento, di sentirti dire finalmente frasi come queste e lo sono perchè per troppe volte mi sei sembrato solo una maschera, solo una facciata tutto glitter fuori e tutte ombre dentro. I tuoi amici lo sapranno bene e noi lettori anche meglio, daltronde è proprio sul tuo blog che tendi a mostrare le tue ombra e le tue paure. La paura di perdere qualcuno.. la paura di aver perso del tempo prezioso.
    Miki, non lasciare andare mai nulla senza aver realmente lottato. E ho come l\’impressione che tu ora come ora sia stufo di lottare. Ma ne vale la pena. Sempre.
     
    Un abbraccio mio cuoricino lontano..

  2. Miky Miky…abbiamo bisogno di una sola cosa: PARTIRE!!!!Intanto partiamo, al ritorno vedremo come vivere \’sta vita…Godiamoci almeno 5 giorni in quella città fantastica, colorata e casinista chiamata Barcelona!!!
    Un bacio MIk…Marty

  3. Io credo che tu sia arrivato a un punto di svolta.
    Comprendere che non necessariamente siamo noi a doverci adattare al mondo, ma che è possibile adattare una porzione di mondo a come noi siamo, è la prova che forse hai iniziato ad avere maggiore consapevolezza di te.
    Dopotutto, ci scegliamo gli amici, scegliamo cosa fare, che posti frequentare e via così, l\’unica cosa è non aver paura di scegliere, solo perchè molte volte una scelta corrisponde necessariamente ad un cambiamento.
    Bisogna non essere sciavi dell\’abitudine per essere liberi.
    Quindi: partire o no?
    Io direi assolutamente partire, mettersi in connessione con altre realtà, con altre persone, arricchirsi.
    Bene, io ho finito, t\’abbraccio forte.
    Vì – colei che partì in preda ad un attacco di panico –
     

  4. dai mik!!leggo e leggo e leggo ancora di nuovo se avevo letto bene.beh se giri la ruota questa ti porta da qualche parte e puoi pure comprare la vocale!!sono contento..si la vita è una corsa veloce…ma esistono i momenti anche al rallentatore..vivi quelli..e vivi la corsa a pieni polmoni..oddio quanto sono melenso certe volte..davvero direi questo ad un amico??no perchè a chi direbbe questo a me verrebbe da ridere in faccia alla grande..e immagino che tu leggendo adesso lo abbia fatto..trank…smile is fine…
    leggere il tuo blog davvero è diventato come il giornale la mattina sul cesso..beh ovvio portare il portatile in bagno mirimane un pò scomodo..perciò prima faccio e poi leggo..oppure il contrario..oddio no se dico così sembra brutto…scherzo mik il tuo blog è il + fico di tutti ed è attualmente quello + letto dai miei amici networkiani…e si anche tu hai fama..
    io torno stanchissimo da un campionato stamattina…campionato regionale per il lazio..primo posto..e poi ho portato anche un passo a due…
    ho fatto il video se mi riesce lo metterò proprio sul blog e in quel caso ci sarai tu a consigliarmi come fare..un beso enorme ciao mik…
    take a breathe…take a kit kat..no no…dai scherzo..take a breathe and believe in what you see..
    kiss ragheyzzo!!Simone

  5. Sono andata a vedere e non ho potuto fare a meno di dare un cinquestelle *_*
     
    E\’ davvero spitoso!😀
     
    Ps. Lo so che sbuco dal nulla, ma sei nella lista "blog preferiti" e quindi ogni tanto torno a leggerti!😛
     
    un abbraccio   : )

  6. Adorati e adorabili, credo che seguirò il vostro consiglio. Imparare a viverla come la vita viene, senza rinunciare ai sogni e tutto il resto ma vivere le "relazioni" in modo più sereno. ^_^THANX THANXp.s= grazie per aver commentato post minaccia! ahhahha Kiss Kiss MIK

  7. ciao dear…eh gia\’ la vita e\’ una stronza…oltre a correre all\’impazzata t porta via alcune delle cose piu\’ belle ed importanti ke hai avuto….ma noi siamo i protagonisti e ci tocca viverla nel bene e nel male….bisogna vivere e rialzarsi in ogni momento…cmq la forza e la volonta\’ ce l\’hai e ne troverai altra…grazie alle persone ke ti stanno intorno e ke ti amano e ti vogliono bene per quello ke sei…ki ti conoscere realmente ti tiene nel cuore….
    mega bacioni

  8. con troppo ritardo, commento questo tuo emozionante intervento. io che, come sempre amo definirmi, vivo delle vite altrui, della tua mi nutro proprio! è come la trama di un libro, la successione di immagini e fatti di un film: tutto perfettamente si incastra…
    sono felicissima di gio. sono interdetta per la scelta di leo: cosa gli ha fatto cambiare idea?
    so che forse in questo momento sono fastidiosa e troppo curiosa, ma credo che chi racconta la propria vita su un blog, in fondo voglia proprio questo: incuriosire e intrattenere gli altri con particolari aneddoti. e la tua, tesoro, è una vita davvero interessante!
     
    un bacio, al prossimo interevento!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...