A Very Vintage PIC-NIC

A Very Vintage Pic Nic
 
HeyD aveva adeguatamente organizzato il Pic-Nic e un’ ora e mezza più tardi del previsto eravamo tutti elenganti e pronti per il Branch Vintage della Domenica.
 
14 Ottobre 1956
"La sveglia aveva suonato alle 9.00 in punto, mentre il sole ancora tiepido filtrava dalle scure tapparelle. Lavato, vestito e dopo una tazzina di caffè al volo, non rimaneva altro da fare che sistemare il cibo nell’ampia borsa di canapa. Sarebbe stata una delle solite domeniche pomeriggio che avremmo trascorso al parco, a consumare gustose prelibatezze, a stemperare le paturnie rincorrendo una palla e ad amoreggiare sul sedile posteriore dell’auto nuova.
Il mio passaggio era arrivato puntuale sulle ruote di una Giulietta coupè rosso fuoco, salto su e sfrecciamo nelle campagne della provincia. Il sole era già alto nel cielo e i raggi, guidati dal vento, illuminavano i nostri volti sorridenti mentre la radio passava un coinvolgente Rockabilly del giovane Elvis Pristley.  Raggiungiamo le ragazze in un batter d’occhio e sentiamo la musica e le loro risa amplificate dal silenzioso deserto che circonda il parcheggio che, durante le sere estive, ospita il cinematografo all’Americana, il drive-in.
Tutte sfoggiano gonne a ruota, coloratissimi pull-over e nuove strabilianti acconciature che ci fanno rimanere col fiato sospeso. Io e i ragazzi ci guardiamo estereffati dopo averle osservate bene e i nostri occhi gridano chiaramente "Sarà uno sballo"; quando finalmente arriva lui, in sella ad una sfrecciante moto Guzzi 8 cilindri da competizione. Impeccabile, con i capelli al vento e quell’aria da bello e dannato che faceva invidia a tutti noi e lo rendeva affascinante e irrequieto come James Dean.
 
Ci rimettiamo in marcia alla volta del Parco di Seano. Mentre noi trasportiamo il cibo e le bevande, le ragazze ci precedono con passo gioioso e corrono a scegliere il punto più verde del parco nel quale trascorreremo il pomeriggio. Imbandite le tovaglie di spuntini, leccornie e
succhi di frutta alcolici, siamo pronti per abbuffarci. Lontano da genitori o conoscenti, ridiamo di temi piccanti, ci burliamo gli uni degli altri e consumiamo le deliziose patatine Americane. Ben presto la brezza si alza, ma non rinunciamo al pisolino pomeridiano sotto il cielo sgombro da nuvole impertinenti.
Prima dell’imbrunire scattiamo qualche foto ricordo con la vecchia Leica M3, che ho portato con me. Il vento diventa impetuoso e i nostri nasi iniziano ad arrossarsi per il freddo, così raccolte tutte le nostre cianfrusaglie corriamo a rifugiarci nell’automobile…"
 
14 Ottobre 2007
Il freddo ci aveva attanagliato e un pò assonnati trascorriamo la serata a casa di Leo.
Ancora con indosso gli stropiacciati abiti eleganti dell’ora di pranzo, oziamo ammonticchiati su un unico divano a spelluzzicare patatine, riso freddo e dolciumi mentre il videoregistratore passa il film "In&Out". Prima che possiamo accorgecene è buio…
 
 
Non potevo non romanzare una domenica così atipica, trascorsa come negli anni 50 a fare un pic-nic nel parco e così, ho trasformato eventi e amici reali in personaggi di un racconto autoconclusivo con ricchi riferimenti storici, datati esattamente 1956 con l’indispensabile aiuto di Wikipedia.   Ovviamente l’intero pic-nic non avrebbe avuto luogo se ognuno di noi, non avesse avuto la buona volontà di preparare torte, pizzette, schiacciatine, di fare un salto al supermercato per acquistare bibite, salumi, formaggio o di preparare all’ultimo minuto un riso freddo. A banchettare nel parco eravamo Io, Dany, Claudio, Leo, Eleonora (A.k.a HeyD), Daria ed Elena (A.k.a Puce).
 
 
**Nonostante gli avvenimenti della giornata siano alterati e rivisitati dagli orginali, date un occhio alle fotografie che lasciano trapelare più emozioni di quanto non siano riuscite a trasmettervi le mie parole.
 
Video On-Air : "Que Sera Sera (cover)" by Hermes House Band
 
 

     

8 pensieri su “A Very Vintage PIC-NIC

  1. Intervento geniale!!! Ma il fic alla James Dean che è arrivava in moto chi rappresenterebbe?! Claudio che è arrivato in bici con i pantaloncini?! AHAHAHAHAHAHAH
    CIAO

  2. Uffa…voglio fare anch\’io il pic-nic anni \’50! Ho sempre apprezzato le gonne a ruota-camuffa chiappone (Mary Quant non me ne voglia)!
    E, invece, ho sempre colazioni a sacco stile "derelict"…
    Le tue foto,come sempre, sono stupende, il post romanzato sfiziosissimo!!
    Tanti baci
     
    ps:la Giulietta la preferisca blu.

  3. no vabbè…io lo sai che penso che tu sia un vero genio creativo del nostro tempo.
    Scusami miki ma non so più che dire. Faccio visitare a tutti i miei amici il tuo blog,sperando che qualche talent scout ti scopra e lo trasformi nel 2° manuale di vita per le donne moderne (prima di te ci può essere solo sex and the city).
    Dal mio cuore adorante al tuo cuore geniale,come sempre!!!!

  4. Hai presente quella specie di catena di Sant\’Antonio che ho scritto nel blog copiata dallo spaces della mia amica gnappa?quella che tu mi hai chiesto se funziona?
    sono felice di informarti che forse per la prima volta una cosa del genere mi ha portato fortuna,non con un Mr. Right,bensì due(infatti non saprò chi devo scegliere e terrò il piede in due staffe per un po\’,molto schifosamente,sempre che non si ritirino entrambi prima,dopo avermi girato intorno come profumieri degni esempi del maschio di questo millennio)!!!!
    Perciò,siccome non costa nulla;non intacca il già precario conto in banca;non devi spedire lettere a tutto il pianeta;non devi mandare sms a tutta la tua rubrica del telefonino,dissanguando il credito e ricevendo solo mille accidenti da tutti i tuoi contatti;vai nel mio blog e copialo.
    Male che va non cambia nulla e hai perso solo 5 minuti del tuo tempo.
    Io invece ti auguro che ti porti tutta la fortuna del mondo perchè ti voglio bene e quindi ti auguro solo il meglio!!!!a me l\’ha portata!!!!!
    ps:non sai che palle,non ho nulla di divertente da scrivere sul mio blog perchè mi sono persa tutte le feste causa malattia e sono chiusa a casa da un mese abbrutita…ieri sono uscita un po\’ e mi sono comprata un bel vestito di pizzo nero(foderato ovviamente),sperando di sfoggiarlo il prima possibile con le mie bellissime scarpe nuove rosso fuoco…sai come si dice nonostante l\’età:co\’ \’sta carenatura ancora du\’ coronarie le posso fa\’ salta\’,non so se mi spiego!!!
    Dal mio cuore trepidante d\’attesa per il ritorno alla vita mondana al tuo cuore puro come un ghiacciaio in cima all\’everest,
    Carolina

  5. mi sono dimenticata di dirti che, ovviamente, se tu fossi stato a roma, per il mio ritorno in società alla taylor di beautiful anzichè comprarlo un abito nuovo te l\’avrei commissionato…un giorno contattami seriamente,ti vorrei presentare un mio amico stilista molto bravo che disegna la linea bon bon star, non è john richmond certo,però magari avreste molte cose di cui parlare ed è sempre un amico in più no? magari diventerete i nuovi dolce & gabbana e allora io avrò vestiti & accessori gratis a vita!!!!(lo faresti per me no?)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...