NO GRAZIE!

Ho scandagliato i ricordi e ascoltato molta musica per ricostruire un percorso logico
dei mesi trascorsi ad illudermi di qualcosa che desideravo così tanto da non accorgermi che era impossibile – ma abbandonare la speranza, non fa parte di me e così solo lunedì ho avuto la certezza che lui non sarebbe mai tornato.
Ora devo solo dimenticare.
Lunedì, ultimo i tagli ai tessuti e trascorro il pomeriggio con Claudia a fare la spesa; la sera mangio da lei e vediamo un film romantico con Sandra Bullock "Un Amore Tutto Suo". Nonostante il desiderio di lanciarmi dalla finestra desisto perchè, come immaginavo, il giorno successivo inizio ad accettare la mia ritrovata solitudine, vado al centro commerciale a fare un giro col proposito di provarci spudoratamente con uncommesso estremamente carino che avevo notato ma tralasciato per il solito motivo…Peccato non fosse a lavoro.
Ouch!
Attendo interminabili minuti alla fermata, e scorgo la Sua macchina passare, rallentare e ripartire.
Una parte di me è icredula, una parte vorrebbe che tornasse indietro e l’altra spera che l’autobus arrivi al più presto. Il pomeriggio con Marty trascorre piacevole e la sera con Daniele, Eleonora e Virginia, decidiamo di vederci e mangiare qualcosa insieme.
Peccato che finiamo al RISTORANTE GRECO, dove io imbrocco (almeno credo) un tipo evidetemente GAYO…avrei voluto fare un passo indietro o non so…magari fare qualcosa, ma come al solito "PASSO". La serata procede con Daniele che lascia il cellulare al ristorante, noi che andiamo a conoscere HERRY (A.k.a Erasmo) e finalmente il fantomatico fascinoso fidanzatino (del bro della Virgy) Davide. 
La serata procede, ma non tarda a rallentarsi poichè io mi alieno un pò perchè mi concentro a pensare ai cavoli mie e a covare quello che sarebbe stato il dopo-serata. Alle 3.00 e poco più, rientro e sento l’irrefrenabile desiderio di visitare il bagno. L’intero giorno successivo lo trascorro riproponendo al cesso tutto ciò che ho ingurgitato e proprio come ai vecchi tempi: VOMITO VOMITO VOMITO – So Nasty!
La sera ho la febbre a 38 e ricorro ad una doverosa puntura. 
Consegnati i modelli alla sarta, devo solo organizzare il resto del mio lavoro, ma stando K.O. a causa di questa influenza sicuramente indotta dallo speziatissimo cibo Greco – posticipo. Il Giovedì sera lo passo a organizzare ancora una volta un cheap-trip europeo con Daniele (peccato che io non abbia i soldi). Le mete prescelte potrebbero essere LONDRA&DUBLINO oppure BERLINO-Un Anno Dopo. Which One?
Venerdì, consegno il regalo di compleanno alla Marty e ci riuniamo a casa mia con Dany e Ele, per quattro chiacchere, senza farci mancare una pastina dolciosa del Grillo (io sono costretto a mangiare una brioches!).
Parola d’ordine parlare parlare parlare – rivediamo LA MASCHERA DI CERA e ci concentriamo tutti nel momento topico del film in cui PARIS HILTON muore (che grande gioia). Alle 4.00 Daniele abbandona e fino alle 5 e qualcosa io ed Ele stiamo a chiaccherare del più e del meno, opinioni, dubbi e "sogni per domani".
Questa settimana avrei voluto vedere la VINTAGE SELECTION alla Stazione Leopolda, ma non avendo soldi ho abbandonato il progetto… uffi! Con lo stomaco totalmente sconvolto mi limito
a dire "Greco?No Grazie!".

3 pensieri su “NO GRAZIE!

  1. Uuuuuuh ma poretto!! Sei stato maluccio! Mannaggia al cibo greco! Cmq sono molto contento del fatto che ora sei finalmente presente tra i miei contatti e così te posso parlare ogni giorno! E vai avantiiii!!
    Per il viaggio? London forever!! Dooooiiiiiii così ci incontriamo!!!! :°)

  2. SONO CONTENTA DI VEDERTI MEGLIO…
    ANZI SPERO PROPRIO D\’INCONTRARTI CE SOIR IN PIAZZA FERRUCCI..
    CMQ RIGUARDO AI TUOI GIORNI OUT MI è VENUTA IN MENTE QUESTA SONG…SE LA ASCOLTI FUNZIONA DI PIU\’…
    DEDICALA AL TUO AMICO-GIOCATTOLO D\’AMORE CHE L\’INDIFFERENZA è SEMPRE LA NOSTRA ARMA MIGLIORE!!
     
    TIZIANO FERRRO IN AEREOPORTO
     
    In questo caso direi proprio che non è una tragedia Non andare a cena vacci solo tu E separarsi direi proprio che non è una tragedia Oh oh…mi senti…oh oh Quando tornerai a casa non sarò li a romperti Quando prenderò il treno non mi assorderai col telefono Oh oh…è inutile che fai finta di niente Oh oh…parlare con un muro è più esaltante Non ero mai morto in bagno in aeroporto Al ricordo di lui che bacia te..e vabè Oh oh…non piangere non voglio farti un torto Oh oh…ti sto parlando non guardarmi storto Che bello son morto in bagno in aeroporto Dove? In aeroporto Dove? In aeroporto Mi dici… “In questo caso direi proprio che le scuse puoi infilarle gentilmente dove preferisci tu” ma no ti prego dai non dire questo amore…ehm… scusa non volevo rimaniamo amici dai quando uscirò col cane puoi venire insieme a me no su dai smetti di urlare rendi tutto più difficile Oh oh…è inutile che fai finta di niente Oh oh…parlare con un muro è più esaltante Non ero mai morto in bagno in aeroporto Al ricordo di lui che bacia te…e vabè Oh oh…non piangere non voglio farti un torto Oh oh…ti sto parlando non guardarmi storto Che bello son morto in bagno in aeroporto Dove? In aeroporto Dove? In aeroporto Quello che non hai capito ora Credo non lo capirai mai più Quindi amore io darei la colpa UN PO’ A ME UN PO’ A TE Guarda come il cielo si colora Ora che non stiamo insieme più Conto alla rovescia di un amore TRE DUE UNO FIESTA! Oh oh…è inutile che fai finta di niente Oh oh…parlare con un muro è più esaltante Non ero mai morto in bagno in aeroporto Al ricordo di lui che bacia te…e vabè Oh oh…non piangere non voglio farti un torto Oh oh…ti sto parlando non guardarmi storto Che bello son morto in bagno in aeroporto Dove? In aeroporto Dove? In aeroporto

  3. AH ORMAI CHE CI SONO TI MOLLO ANCHE QUESTA…SO\’CHE IL GENERE ITALIANO NON E\’ IL TUO FAV.
    MA A VOLTE SERVONO ANCHE PAROLE CHIARE…PER RIMMETTERCI IN FORMA…DOPO LA VENDETTA OVVIO…
     
    LA RICETTA DEL CAMPIONE
    LUCA DIRISIO
     
    Ormai è tempo di fermarsi un pò semmai cercare di dormire un pò frenando i ritmi della mente lasciando indietro quello che dice la gente problemi con le donne tonde non ne voglio più hanno qualcosa che confonde e che non tira su fanno girare all\’ improvviso il tuo melone però hanno effetto solo sul testosterone e non mi va di barattare il buono per il bello è la che si distingue un manager dall\’ uomo E\’ di pioggia e sole che ti nutrirai pensa a vivere credi solo a quello che ti dice il cuore e tira fuori la tua stoffa da campione Si sa che per curare i lividi bisogna avere nuovi stimoli fissare bene un obiettivo se tiro troppo cerca di starmi vicino di far buon viso a brutti ceffi non ne posso più non sono calmo e questo l\’ hai capito pure tu i miei pensieri sono ad una svolta e tra gli ormoni c\’ è piena rivolta e non mi va,di fare la figura della vittima per stare in trasmissioni la domenica E\’di pioggia e sole che ti nutrirai pensa a vivere credi solo a quello che ti dice il cuore e tira fuori la tua stoffa da campione Non mi va, di fare la figura della vittima per stare in trasmissioni la domenica E\’ di pioggia e sole che ti nutrirai pensa a vivere credi solo a quello che ti dice il cuore e tira fuori la tua stoffa da campione..

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...